Pubblicato da: PAdBN | 1 marzo 2008

L’animale morente

L’animale morente

«Non riesci ad avere ciò che vuoi nemmeno quando riesci ad avere ciò che vuoi».

Philip Roth, L’animale morente (2001), ed. it. Einaudi

David Kepesh è un professore e critico letterario rispettato. Ma dietro questa facciata si nasconde un uomo schiavo dei desideri, ossessionato dalle giovani studentesse che frequentano i suoi corsi, incapace di mantenere una relazione con un figlio avuto quando era troppo giovane, segnato dalla libertà sessuale degli anni Sessanta, sempre circondato da donne che controlla e che lo controllano al tempo stesso. Fino al giorno in cui incontra Consuela, bellissima ragazza di origine cubana, che presto lo rende schiavo del suo corpo, geloso, ossessionato dalla sua bellezza. Lo abbandonerà, lui riuscirà a sublimare questa assenza, poi tornerà: ma le cose sono ormai cambiate, e il corpo di entrambi sarà segnato dalla vecchiaia o dalla malattia…

Nota personale. Il racconto lungo si sviluppa in un dialogo in prima persona tra il protagonista e il lettore, cui dà del tu: ci sono richiami a esperienze comuni, rinvii a più tardi, fino alla risposta conclusiva in cui il lettore diventa personaggio. Nella narrazione, David confessa i suoi pensieri più reconditi, le sue molteplici esperienze, gli snodi fondamentali della sua vita senza alcuna remora: l’accento sul sesso, sui corpi, sulla carne, sulla morte, sul degrado fisico della vecchiaia, sul degrado mentale della schiavitù del desiderio è anche troppo marcato. L’impressione è che Roth, molto lontano dalla grandezza di Pastorale americana, indugi sui dettagli più respingenti, sul perturbante, sul tema del dominio proprio per distogliere l’attenzione da un romanzo sostanzialemente statico. Romanzo forse in parte autobiografico, che gioca sul classico eros kai thanathos senza però lasciare nulla di più di un personaggio ben costruito, respingente ed empatico a un tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: