Pubblicato da: PAdBN | 12 settembre 2007

Weeds

Weeds

Weeds (scritta da Jenji Kohan, 2005-, trasmessa in Italia soltanto la prima stagione)

Quando Desperate Housewives diventa cattivo… Nancy Botwin (una brava Mary-Louise Parker) è una giovane madre che, all’improvviso, rimane vedova: superato il lutto, rimane il problema di provvedere ai due figli (Silas e Shane) che stanno crescendo e di mantenere un tenore di vita accettabile per il sobborgo tutto-apparenze di Agrestic. La soluzione arriva inaspettata: Nancy inizia a spacciare erba nel ricco sobborgo, superando le difficoltà della legge e dei rivali, intrattenendo buoni rapporti con i fornitori, espandendo l’attività e – contemporaneamente – cercando di salvare le apparenze e di essere una buona madre. A complicare le cose, un gruppo caotico di personaggi di contorno: il cognato nullafacente che si insedia a casa dei Botwin, la strana “famiglia” afroamericana dei fornitori, la caustica vicina Celia (una Bree Van de Camp molto più cattiva) alle prese con un marito fedifrago e due figlie ribelli, un consigliere comunale inetto, una domestica maliziosa e scansafatiche, lo studente indiano che aiuta a spacciare, …

Nota personale. La rappresentazione realistica del falso perbenismo dei sobborghi residenziali americani (e dei nostri?), con l’aggiunta di situazioni perfette per smascherarne l’ipocrisia. Il giudizio è valido già per le Casalinghe, ma la trasmissione via cavo (su Showtime) consente un punto di vista più cinico e disincantato e maggiore coraggio nel linguaggio, nei dialoghi e nell’intreccio. Lo sguardo realista sulle droghe leggere, le piccole e grandi meschinità tra vicini, le difficoltà nel crescere due adolescenti, le loro prime esperienze si mescolano ad alcuni personaggi contro-corrente accumunati dal loro essere “fuori dal mondo”, dando così vita a una serie divertente e amara allo stesso tempo. La sigla iniziale (che nella seconda stagione viene interpretata in stili diversi da artisti ogni puntata differenti) sottolinea l’omologazione delle villette e chi le abita, ma bastano i primi minuti di ogni puntata per capire che la realtà è ben diversa… per stupirsi, per pensarci, per riderci su. La prima stagione è stata trasmessa a notte fonda su Raidue, ma è altamente improbabile che il resto riesca a passare sui nostri schermi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: