Pubblicato da: PAdBN | 23 luglio 2007

Alameda

«You walk down Alameda, looking at the cracks in the sidewalk
Thinking about your friends
How you maintain all them in a constant state of suspense?
For your own protection over their affection
Nobody broke your heart
You broke your own because you cant finish what you start
».

Elliott Smith, Alameda (da Either/Or, 1997)

Rock intimista, appena sussurrato, ma estremamente coinvolgente… Una voce calda, alcuni passaggi che rimangono in testa, la chitarra che scandisce tutto il brano.

Nota personale. Di Elliott Smith, scomparso a 34 anni nel 2003, conosco molto poco. Ma questo album, a cui sono giunto per caso grazie a consigli incrociati, è davvero interessante. Melodico, lento, un po’ depresso, ma al tempo stesso ideale per una serata estiva, tipo falò sulla spiaggia (se è mai capitato a qualcuno, oltre che nelle serie tv americane…).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: